ASSISTENZA DOMICILIARE

L’assistenza domiciliare è un insieme di servizi e interventi socio sanitari erogati al paziente all’interno della sua abitazione. Avviene attraverso prestazioni fornite da diversi professionisti (medici, operatori socio sanitari (OSS), fisioterapisti, farmacisti, psicologi, ecc.).
Ha l’obiettivo di evitare, per quanto possibile, il ricovero del paziente in ospedale o la sua collocazione in una struttura residenziale (RSA o RSSA) oltre il tempo strettamente necessario. Si tratta si un servizio domiciliare in grado di evitare una situazione traumatica per l’anziano, oltre che un aggravio dei costi per l’assistenza in termini economici.
Oltre al personale specialistico è attivo anche un servizio di assistenza badanti.

Le principali esigenze che vengono trattate sono:

  • Gestione di stomie: urostomie, sondino naso gastrico, P.E.G., tracheostomie, stomie del
    tratto digerente.
  • Rischio di infezioni, come la presenza di presenza di presidi intravascolari (cateteri venosi
    centrali e periferici), cateteri vescicali a permanenza, lesioni cutanee (ferite chirurgiche, lesioni
    vascolari e neuropatiche, ustioni, lesioni da decubito).
  • Incontinenza (urinaria e/o fecale).
  • Rischi relativi all’insorgenza delle lesioni da pressione e sindromi da immobilizzazione.
    Carenza di informazione dell’utente e della sua famiglia.
  • Esigenze di interventi educativi: (gestione burocratica delle pratiche assistenziali;
    educazione all’uso di presidi, ausili, e altri dispositivi in dotazione alla famiglia; applicazione
    delle indicazioni terapeutiche e/o farmacologiche affidate alla famiglia.

Commenti chiusi